Paola loves travelling | IN GIRO PER L’ITALIA
24
archive,category,category-in-giro-per-litalia,category-24,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

IN GIRO PER L’ITALIA

Il rumore delle gomme di un auto sui sanpietrini, i panni umidi stesi alle finestre, la geometria variabile delle fronde spoglie degli alberi lungo il Tevere, il sapore dei biscotti che si sciolgono in bocca, una coppia che passeggia mano nella mano e si lascia andare a qualche timida effusione, il sottofondo costante di macchine e motorini in lontananza, i brandelli di un quotidiano calpestati per terra, il calore del sole sulle guance, un uomo a maniche corte, una famiglia romana a passeggio che mi fa sorridere, il profumo di pane, le melanzane alla parmigiana, le piante rampicanti sui muri delle case, il profilo di un albero di Natale ancora addobbato attraverso la finestra più alta di una palazzina malandata,

A chi ci ha chiesto "cosa avete fatto a Lecce?", abbiamo risposto: "Abbiamo mangiato. Tanto, bene, di gusto". E pure a un giusto prezzo, il che non guasta mai quando si è in vacanza. Il cibo rappresenta uno dei capisaldi irrinunciabili del vivere leccese: è socialità, è tradizione, è godersi la vita assaporandola lentamente.

Ecco alcuni suggerimenti su dove deliziare le vostre papille gustative:

Dall'antiquario: ristorante tipico leccese, si trova in fondo alla piazzetta adiacente alla chiesa di Santa Chiara. Noi siamo andati sul sicuro: orecchiette alle cime di rapa per Gabri e melanzane alla parmigiana per me. Il tutto accompagnato da un bel calice di Negramaro - http://www.dallantiquario.it/

 

La nostra prima sera a Lecce, davanti alla chiesa di San Matteo, ci imbattiamo in un matrimonio, ma non un matrimonio tradizionale: niente sposi che escono mano nella mano dalla chiesa né invitati che lanciano il riso. L'atmosfera è molto più festaiola, rumorosa: una band di trombettisti suona in strada e gli sposi ballano euforici, mentre gli invitati applaudono e ballano a loro volta, confondendosi con i turisti che guardano curiosi e riprendono la scena. Un matrimonio popolare, di strada appunto, si percepisce che gli sposi hanno tanta voglia di divertirsi e di festeggiare con chiunque passi di lì, in quel momento. "Benvenuti a Lecce", ci diciamo.