Paola loves travelling | LAZIO
115
archive,category,category-lazio,category-115,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

LAZIO

Il rumore delle gomme di un auto sui sanpietrini, i panni umidi stesi alle finestre, la geometria variabile delle fronde spoglie degli alberi lungo il Tevere, il sapore dei biscotti che si sciolgono in bocca, una coppia che passeggia mano nella mano e si lascia andare a qualche timida effusione, il sottofondo costante di macchine e motorini in lontananza, i brandelli di un quotidiano calpestati per terra, il calore del sole sulle guance, un uomo a maniche corte, una famiglia romana a passeggio che mi fa sorridere, il profumo di pane, le melanzane alla parmigiana, le piante rampicanti sui muri delle case, il profilo di un albero di Natale ancora addobbato attraverso la finestra più alta di una palazzina malandata,