Paola loves travelling | PUGLIA
49
archive,category,category-puglia,category-49,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

PUGLIA

A chi ci ha chiesto "cosa avete fatto a Lecce?", abbiamo risposto: "Abbiamo mangiato. Tanto, bene, di gusto". E pure a un giusto prezzo, il che non guasta mai quando si è in vacanza. Il cibo rappresenta uno dei capisaldi irrinunciabili del vivere leccese: è socialità, è tradizione, è godersi la vita assaporandola lentamente.

Ecco alcuni suggerimenti su dove deliziare le vostre papille gustative:

Dall'antiquario: ristorante tipico leccese, si trova in fondo alla piazzetta adiacente alla chiesa di Santa Chiara. Noi siamo andati sul sicuro: orecchiette alle cime di rapa per Gabri e melanzane alla parmigiana per me. Il tutto accompagnato da un bel calice di Negramaro - http://www.dallantiquario.it/

 

La nostra prima sera a Lecce, davanti alla chiesa di San Matteo, ci imbattiamo in un matrimonio, ma non un matrimonio tradizionale: niente sposi che escono mano nella mano dalla chiesa né invitati che lanciano il riso. L'atmosfera è molto più festaiola, rumorosa: una band di trombettisti suona in strada e gli sposi ballano euforici, mentre gli invitati applaudono e ballano a loro volta, confondendosi con i turisti che guardano curiosi e riprendono la scena. Un matrimonio popolare, di strada appunto, si percepisce che gli sposi hanno tanta voglia di divertirsi e di festeggiare con chiunque passi di lì, in quel momento. "Benvenuti a Lecce", ci diciamo.