Paola loves travelling | Lecce eno-gastronomica: dove mangiare (e bere) tanto e bene
239
post-template-default,single,single-post,postid-239,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Lecce eno-gastronomica: dove mangiare (e bere) tanto e bene

Lecce eno-gastronomica: dove mangiare (e bere) tanto e bene

This post is also available in: en

A chi ci ha chiesto “cosa avete fatto a Lecce?”, abbiamo risposto: “Abbiamo mangiato. Tanto, bene, di gusto”. E pure a un giusto prezzo, il che non guasta mai quando si è in vacanza.
Il cibo rappresenta uno dei capisaldi irrinunciabili del vivere leccese: è socialità, è tradizione, è godersi la vita assaporandola lentamente.

Ecco alcuni suggerimenti su dove deliziare le vostre papille gustative:

Dall’antiquario: ristorante tipico leccese, si trova in fondo alla piazzetta adiacente alla chiesa di Santa Chiara. Noi siamo andati sul sicuro: orecchiette alle cime di rapa per Gabri e melanzane alla parmigiana per me. Il tutto accompagnato da un bel calice di Negramaro – http://www.dallantiquario.it/

 

Nautilus Garden: ristorante dall’ambientazione molto particolare e dal ricco menù: gnocchetti alla sorrentina per me e filetto al pepe verde con patate arrosto per il maritino – http://www.ristorantepesce.lecce.it/

Mamma Elvira Enoteca: tipica enoteca nella quale vengono serviti solo prodotti rigorosamente locali. Per fare un esempio: niente coca cola, in alternativa all’acqua e al vino (non ve l’avevo ancora detto, ma sono astemia) mi sono gustata un bel succo di mela della casa.
Ottimo il tagliere di salumi, formaggi e marmellate, il tutto a km 0 – http://www.mammaelvira.com/

Il fornaio: piccolo panificio storico in Piazza Sant’Oronzo dove abbiamo fatto letteralmente incetta di pasticciotti, i tipici dolcetti locali di pasta  frolla e ripieni di crema pasticcera, di sospiri pugliesi, soffici dolcetti glassati della tradizione locale, e di gustosi biscotti alle mandorle http://www.ilfornaiolecce.it/

Il cortile delle esperidi: si tratta del b&b nel quale abbiamo alloggiato durante la nostra permanenza a Lecce. Collocato in un’ottima posizione (due minuti a piedi da porta San Biagio), recentemente ristrutturato, con camere ampie, pulite e arredate con gusto, è vivamente consigliato anche per la ricca colazione che ogni mattina Sara, la cordialissima titolare, offre ai suoi clienti. Grazie a un’ampia scelta di formaggi, salumi, frutta e soprattutto di dolci (alcuni di pasticceria, altri preparati in casa) la giornata comincia nel migliore dei modi. http://www.ilcortiledelleesperidi.it/

P.S: Non chiedetevi quanti chili prenderete stando una settimana in Puglia… Fate come me: io ho smesso di pensarci al secondo giorno, davanti ai pasticciotti serviti a colazione!

 Leggi anche: http://www.paolalovestravelling.com/blog/2017/10/17/lecce-la-firenze-del-sud/

4 Comments
  • Simone
    Posted at 11:26h, 02 Dicembre Rispondi

    A Lecce ci ho vissuto per lavoro 4 anni e devi dire che è una città molto vivibile. Buoni i pasticciotti ma anche le pucce!!!

    • paola
      Posted at 10:53h, 28 Gennaio Rispondi

      Simone, chiedo venia ma devo confessare che noi non abbiamo mangiato neppure una puccia… che vergogna, eh? Conosci i posti che ho consigliato? Il fornaio in Piazza Sant’Oronzo immagino proprio di sì, conosciutissimo…

  • Chiara
    Posted at 17:12h, 06 Aprile Rispondi

    questo è un post da salvare. Credo che in Puglia si mangi divinamente, devo ancora visitare Lecce e spero di poterlo fare quanto prima.

  • silvia
    Posted at 11:50h, 07 Aprile Rispondi

    Adoro i post enogastronomici occupandomene anch’io. Lecce non l’ho mai vista, quindi non appena capiterà so cosa andare a scovare. Grazie! 🙂

Post A Comment